Le sei storie delle paroline magiche

Oggi voglio parlarvi di un libro per bambini… casa mia ne è piena perché i miei figli sono dei gran lettori e quindi chi ci conosce sa che in caso di regali i libri sono sempre ben graditi ;^)
In una di queste occasioni ci è stato regalato questo libro che trovo bellissimo…

 LE SEI STORIE DELLE PAROLINE MAGICHE.
libro le sei storie delle paroline magiche

Sono storie in rima e illustrazioni colorate per scoprire il valore di parole importanti. “Grazie“, “scusa“, “ciao“, “ti voglio bene“,  “pazienza“, “per piacere“: parole che diventano formule magiche in grado di far nascere un abbraccio, un sorriso, il perdono e l’amicizia.
L’educazione è un grande concetto ma come genitore posso dire che fatica insegnarla… spiegare il significato di grazie, prego, scusa… parole che se ripetute a memoria non hanno alcun significato, ma acquistano valore quando comprese. Ecco questo libro ci aiuta, in modo divertente, a far comprendere  ai nostri figli il valore di ogni singola parolina.

grazie

 

GRAZIE è una piccola e dolce parola,
per esser gentili basta lei alla.
Gracias, thank you, danke, merci:
credi, il segreto è tutto qui.
Spesso non c’è parola migliore
di un bel GRAZIE detto di cuore.
scusa
Anche se non lo vorremmo fare,
talora ci capita di sbagliare.
A volte si litiga e ci si accapiglia
 e inizia a urlare l’intera famiglia.
Per fare pace so la ricetta:
SCUSA è la magica paroletta,
che devono dire grandi e piccini,
dopo che hanno fatto i biricchini.
per piacere
Ogni bambino merita attenzione,
ma fa richieste in continuazione.
Gli altri non sempre sanno ascoltare,
allora un consiglio vi voglio dare.
 Conosco due magiche parolette
che le domande rendono perfette:
se qualcosa volete ottenere,
ricordate di dire “PER PIACERE”.
 

pazienza


A volte uno vince e un altro perde
e per l’invidia diventa verde…
PAZIENZA! Non ci si deve arrabbiare:
non si gioca per vincere, ma per giocare.
A volte ti trovi a dover rinunciare
a qualcosa che invece vorresti fare.
«PAZIENZA!» di’ solo, con molta saggezza.
«Lo farò un’altra volta» senza tristezza.
ti voglio bene
TI VOGLIO BENE
è facile da dire,
ma in altri modi
si può far capire.
Coccola e abbraccio, bacio e carezza,
tutti lo mostrano con molta dolcezza;
ma così pure una buona azione,
una bella parola o un’attenzione,
una alla volta o tutte insieme,
vogliono dire: TI VOGLIO BENE.

ciao

CIAO si usa per salutare:
chi è in arrivo
e chi sta per andare.
Non si tratta
di un atto grandioso
e non è neanche
assai faticoso.
Che cosa ti costa essere gentile,
a casa, a scuola oppure in cortile?
Anche se senti un po’ di stanchezza.
Fai vedere la tua educazione:
di CIAO senza esitazione!

Ecco qui per ogni parolina ho scritto qualche rima del libro…
Io lo consiglio!!!

0 thoughts on “Le sei storie delle paroline magiche

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *